Benvenuto fratellino… Benvenuta sorellina…

…é il titolo di un libro uscito ormai da più di un anno… L’argomento potete immaginarlo facilmente: come preparare il fratello/la sorella maggiore ad un nuovo arrivo? Innanzitutto MAI dimenticare che anche se quasi “maggiore”, é pur sempre un bambino. Lo so, detto così sembra facile, sembra di aver fatto la scoperta dell’acqua calda, ma se la teoria é chiara la pratica spesso non lo é affatto. Improvvisamente soprattutto ai nonni e agli zii verrà spontaneo dire al bambino: “Tu sei grande! Devi capire che…” riferendosi a qualcosa fatta dal fratello maggiore al neonato… Quando magari fino al giorno prima della sua nascita, al minimo pianto e capriccio veniva continuamente giustificato e difeso come se fosse piccolo piccolo… Quindi la prima cosa da fare é sicuramente usare i 9 mesi di gravidanza per abituare gradualmente il fratello maggiore alle novità che ci saranno… “responsabilizzarlo” prima, non fare cambiamenti importanti a ridosso del parto (come cambiargli il letto, togliergli il pannolino, ecc) perché gli farebbero soltanto pensare che é tutta colpa del nuovo arrivato, aumentando la gelosia che inevitabilmente almeno un po’ ci sarà… Rendere tutto il più graduale possibile e spiegargli cosa accadrà, magari anche con l’aiuto di libri sull’argomento. Un’idea molto carina é anche quella di preparare un regalo da mettere nella valigia per l’ospedale che verrà dato al fratello maggiore dopo la nascita del piccolo “da parte sua”: Non dimentichiamoci che andrà festeggiato anche il suo nuovo ruolo di fratello/sorella maggiore!! Un bel traguardo! Ovviamente dopo la nascita andrà coinvolto più possibile in tutto: Durante le poppate le mamme potranno abbracciare dall’altra parte il maggiore e raccontargli una favola o guardare un cartone in tv insieme a lui/lei… Poi potranno coinvolgerlo nel bagnetto, nel cambio del pannolino, ecc… I bambini adorano aiutare gli adulti, sentirsi utili! Non dimenticate comunque che un po’ di gelosia, più o meno manifesta, é assolutamente fisiologica: In fondo anche voi genitori dovete abituarvi al nuovo equilibrio familiare, figuriamoci un bambino di pochi anni, soprattutto se fino a pochi giorni prima era figlio unico e quindi abituato a non dividervi con nessuno! Sicuramente farà qualche dispetto al neonato, ma sarà fondamentale cercare di non usare troppo sgridate o punizioni perché potrebbe aumentare i dispetti come ripicca verso di voi per attirare l’attenzione… Meglio fargli capire per esempio che così facendo potrebbe fare male al piccolo esserino che gli vuole tanto bene: Si sentirà onorato/a di proteggerlo 😉 Per ogni momento di crisi ricordate sempre: Sono fasi, tutto passa… É l’unica frase che mi ha sempre incoraggiata durante la mia esperienza di mamma 🙂

Rispondi

Vai alla barra degli strumenti