Un timelapse della tempesta di neve

Ecco riassunti in bellissimi 30 secondi i due giorni della tempesta Jonas che ha colpito gli Stati Uniti tra sabato e domenica. L’autore ha lasciato fuori la sua GoPro ed ecco il riassunto di quello che ha registrato:

Matteo Salvini e i condizionatori

Ieri per la rete rimbalzavano titoli, tweet e stati su facebook che inneggiavano al fatto che il Governo avesse messo una nuova tassa sui condizionatori ed il meglio di tutto questo è arrivato da un politico che in teoria di quello che fanno in parlamento dovrebbe sapere e conoscere, in quanto è il suo lavoro: Matteo Salvini. Qui il suo tweet:

salvini_condizionatori

Minaccia l’opposizione del suo partito, sta volta senza usare le ruspe, ad una legge che è stata approvata nel 2012 quando c’era il buon Monti e che prevede la tassazione per i condizionatori ad uso industriale superiori ai 12Kw. Ecco n’altra occasione persa di stare zitto e fare bella figura 😉

Nuova maniera per rubarvi il credito telefonico

L’estate aguzza l’ingenio anche per le truffe e quella di oggi serve a svuotarvi il credito del cellulare. Praticamente vi chiama un numero geografico di Benevento 0824052 facendovi uno squillo. Se voi lo richiamate, ecco che parte la truffa e ciao credito 🙂

Vale la regola aurea solita: se vedete numeri strani che non avete in rubrica lasciate perdere 🙂

Smartphone e tablet: in Italia costeranno di più

È notizia di queste ore che la SIAE, quell’entità che in Italia ringraziamo spesso perché ci affligge con tasse e balzelli un pò difficili da capire, ha chiesto al governo di formulare una legge che faccia lievitare l’equo compenso di chi comprerà questi oggetti nel momento in cui questa tassa sarà varata. Infatti è stato chiesto di mettere una tassa variabile a seconda del prezzo che pagheremo il nostro telefono o tablet, in virtù del fatto che prima o poi ci metteremo contenuto illegale. Già adesso c’è questo equo compenso come viene chiamato, ma su un device da 700€ l’impatto è di circa 1€, mentre ora è stato chiesto di aumentarla del 500% passando così a 5€ nel nostro esempio. Secondo chi scrive questa cosa non risolve certo il problema della pirateria digitale e inoltre è come dire scaricate tanto avete pagato la vostra tassa. Boh, come al solito la situazione qui lascia molto perplessi. Vedremo come andrà a finire.

Qualche consiglio per la notte di San Lorenzo

Tra poco ci sarà la notte di San Lorenzo e i più fortunati scoveranno nel cielo una striscia luminosa a cui affidare i propri desideri 🙂 Come fare per avere più chances di vedere qualche stella cadente? Ecco qualche consiglio:

Consiglio N.1: è necessario osservare verso Nord-Est (qui infatti sorge la costellazione di Perseo) da un luogo ESENTE da inquinamento luminoso, meglio in alta montagna o su una spiaggia buia in riva al mare.

ConsiglioN.2: bisogna stendersi a terra o mettersi su qualcosa simile ad una sedia a sdraio, disponendosi eventualmente a semicerchio se si è in un gruppo di parecchie persone. In questo caso si può fare una statistica, registrando il numero di meteore ogni 5 minuti per costruire un utile istogramma dell’andamento dello sciame.

Consiglio N.3: le meteore bisogna guadagnarsele, nel senso che non bisogna avere fretta, ma attendere con pazienza, magari divertendosi ad osservare (in luoghi bui !) la meravigliosa Via Lattea estiva.

Con le moderne macchine REFLEX digitali è anche agevole riprendere le Perseidi più luminose.E’ necessario porre la macchina fotografica su un cavalletto fisso, con un obiettivo da 30-50 mm rivolto verso la costellazione di Perseo, ed una sensibilità di 200-400 ASA. Siccome le ‘stelle cadenti’ arrivano all’improvviso, è ovviamente impossibile riprenderle all’ istante: si devono quindi fare pose continuative di 5-10 minuti, sperando di ritrovare, tra le strisce stellari, anche qualche scia meteorica. In alternativa, una posa anche più breve potrà essere chiusa non appena si fosse percepito visualmente l’arrivo di una Perseide sufficientemente luminosa.

Vai alla barra degli strumenti