Categoria: Viaggi

Tenerife: un’ isola per una vacanza per tutti

Reduce da una vacanza di due settimane a Tenerife, mentre sono sul volo che mi riporterà alla mia quotidianità ecco le impressioni a caldo su quello che quest’isola offre e il mio giudizio complessivo.

La prima osservazione va all’albergo che ci ha ospitato: Park Club Europe a Playa de las Americas. La struttura si presenta molto curata nei particolari, ogni giorno personale addetto è al lavoro per risistemare le magagne quotidiane ed è sempre molto disponibile a soddisfare le tue esigenze. La prima cosa che ti colpisce è l’immensa reception che ti da subito un ottima impressione, proprio per quei particolari che dicevo prima: facile trovare ceramiche che abbelliscono le pareti, enormi lampadari in stile arabo. La struttura presenta due piscine: una subito dietro la reception che durante la giornata è il cuore della vita dell’albergo. Ci sono piscine di tutte le profondità e animazione dallo staff dell’albergo e del tour operator. La seconda più nascosta è forse la più caratteristica in quanto formata da rocce, sabbia, scivoli, a formare un piccolo parco acquatico per la gioia dei bambini, visto che li vicino è presente un piccolo zoo fatto da conigli, pappagalli, papere e cocorite. I ristoranti sono due: uno vicino alla reception, che è il principale e l’altro nella zona del parco acquatico o Laguna Beach. La roba da mangiare varia su temi giornalieri e mentre in quello principale la caratteristica è la pizza cotta al forno, nel secondo troviamo abbondanti dosi di carne grigliata. La formula più comune è l’all inclusive che da effettivi benefici per goderti al meglio la vacanza, in quanto sono sempre aperti bar e punti ristoro all’interno dell’albergo così da soddisfare ogni esigenza mangiatoria che si possa presentare durante la vacanza.
Ma rimanere chiusi in albergo non è la maniera migliore per godere di quello che questa isola ha da offrire. Noleggiare una macchina costa molto poco rispetto ai prezzi italiani e da la possibilità di scoprire la vera Tenerife.

La capitale dell’isola Santa Cruz de Tenerife, è facilmente raggiungibile e con tempi di viaggio molto brevi. La grossa viabilità dell’isola è costituita dalle due autostrade che permettono di fare il giro dell’isola: TF-1 e TF-2. La cittadina si presenta come una tranquilla città marittima, una piccola Lugano per chi conosce la cittadina svizzera. Merita sicuramente una visita l’auditorium situato in riva al mare, immerso in un lungo mare dove c’è un parco di piscine che lascia a bocca a aperta sia per i metri quadri occupati sia per i prezzi pari a tre caffè nostrani per una giornata immersi la dentro. Proseguendo verso il nord dell’isola si arriva alla spiaggia di Las Teresitas, splendida per la sua caratteristica colorazione arancione, dovuta alla sabbia importata dal Sahara che hanno usato per costruirla. Tornando verso il sud e lasciandoci la capitale alle spalle troviamo Candelaria, caratteristica cittadina dove ha la sede la basilica della santa protettrice dell’isola oltre che un centro storico molto bello e una spiaggia di sabbia nera. Scendendo sempre verso il basso troviamo Arona, con le due gemme Las Americas e Los Cristianos. Entrambe sono molto turistiche, preparate al divertimento e a far divertire, sedi di molti degli alberghi che ospitano i turisti durante il loro soggiorno qui. Se volete dormire poco, divertirvi tanto bhè qui sarete a vostro agio. Scendendo ancora si arriva alle scogliere che portano il nome di Los Gigantes e che meritano una visita per la loro maestosità. Il centro dell’isola è dominato dalla montagna formata dal cono vulcanico del Teide, vulcano ancora oggi attivo ma che in realtà non procura nessun fastidio, anzi nel corso degli anni ha fatto in modo di creare un paesaggio veramente spettacolare, quasi lunare che si raggiunge facilmente inerpicandosi verso il centro dell’isola. La parte verso l’oceano sulla TF-2 merita anche lei un giro, perchè troviamo un po’ di cittadine da visitare, come Puerto la Cruz con il suo centro pieno di negozi e molto caratteristico, oltre che al lago Martianez, un immenso parco acquatico che riproduce le isole dell’arcipelago. Più giù troviamo Icod de los Vinos, cittadina famosa per El Drago Millenario, una pianta della specie del drago con più di trecento anni.

Innumerevoli sono le spiagge che meritano anche solo una visita, per la loro bellezza e le piscine naturali create dagli scogli.

Il mio giudizio su quest’isola e tipologia di vacanza è pienamente positivo: hai tutto a disposizione in tempi molto brevi, la gente del posto è molto socievole e tranquilla. Insomma se ne avete la possibilità provate ad andarci.

Vai alla barra degli strumenti