La varicella

La varicella è una delle malattie esantematiche più comuni nei bambini. E’ molto contagiosa ed è causata dal Virus della Varicella Zoster, un virus della famiglia degli Herpesviridae. Ha un’incubazione di 2 settimane in media, dopo le quali la malattia si manifesta in genere con qualche linea di febbre (di solito ben sotto i 39 °C, tranne rari casi) e la comparsa in pochissime ore di vescicole piene d’acqua, che col passare dei giorni diventano prima torbide e poi formano la caratteristica crosticina che si staccherà da sola entro pochi giorni. Le vescicole tuttavia non compaiono tutte insieme, ma ad ondate successive, percui il bambino affetto lo si vedrà con vescicole a vari stadi nello stesso momento, ovvero alcune limpide, altre torbide, altre già con la crosta. La malattia in sè ha un decorso assolutamente benigno e passa in 7-10 giorni massimo, il problema principale è solo uno: IL PRURITO. Da poco l’ha presa mia figlia e posso assicurare che a primo impatto vedere dei piccoli esserini con tutte quelle bolle, che si grattano come se non ci fosse un domani, non è cosa bella. Da aggiungere che se le croste vengono tolte, a fine malattia rimarranno delle cicatrici più o meno profonde che, più il bambino è “grande” più tenderanno a rimanere per anni, se non per tutta la vita. Percui fondamentale è cercare di evitare più possibile che si grattino. I pediatri forniscono antistaminici e, se le vescicole sono tante, l’antivirale Aciclovir per rallentare il decorso del virus e quindi della malattia, ma posso assicurare che non basta, soprattutto con bambini piccoli che spesso per vizio si tolgono le croste “per hobby”. Un metodo che aiuta un po’ di più è l’utilizzo del talco mentolato liquido in aggiunta ai rimedi sopra citati: si può mettere più volte al giorno e rinfresca un po’, soprattutto considerando il fatto che la varicella come tutte le esantematiche viene principalmente in primavera/estate 🙁 A differenza di quello che si dice in giro, la doccia si può fare, purchè l’acqua non sia eccessivamente calda e purchè non si utilizzino saponi aggressivi, anzi sarebbe meglio farla proprio senza niente, giusto per togliere un po’ il sudore che peggiorerebbe il prurito! Infine, se i bimbi mostrano poco appetito durante questa malattia, non vi preoccupate, è perfettamente normale! Passato qualche giorno torneranno a mangiare come prima 🙂

Rispondi

Vai alla barra degli strumenti