Tanti auguri Gi

Quello sguardo sempre attento, quello sguardo sul mondo visto con gli occhi di una bambina con una sensibilità fuori dal comune, ci ha accompagnato lungo questo lungo anno che ci ha visto spesso dover andare in ospedale per curare il fratellino e tu con le tue domande hai sempre voluto sapere cosa ci fosse dietro, con la preoccupazione se lui fosse tornato a casa. Adesso che abbiamo finito questo ciclo, lo festeggiamo con il tuo compleanno, un inizio finalmente felice e giustamente dove tu sei la protagonista. A te auguro di rimanere sempre così, speciale. A te, il mio ringraziamento perché ogni volta che mi hai visto stanco, prendevi il libro delle favole e mi portavi lontano insieme su un tappeto magico o in un castello, dando modo a me di ricaricare le mie batterie scariche.  A te lascio questo mio post di auguri e tutto l’amore che posso, piccola principessa. 

8 anni fa [ultima parte]


8 anni fa, oggi veniva fatto il primo post “pubblico” del Baretto, apertura 29 aprile così si chiamava. Da allora sono passati un po di anni, le abitudini son cambiate come le vite dei componenti di quella combricola, lo stesso Baretto si è trasformato nel blog che vedete adesso. La cosa bella è che quei legami di amicizia ancora oggi vivono e sono la cosa più bella che è nata da questo sito. Così grazie a tutti voi che ci seguite, ma permettetemi di mandare un abbraccio speciale a chi c’era in quei primi momenti. E adesso avanti così 😉

Ps = un ringraziamento speciale a chi si è sbattuta per fare l’immagine che vedete :*

E andiamo nel 2016

Oggi è l’ultimo giorno del 2015 e come tutti gli anni arriva il momento di fare qualche riflessione. Per il Baretto quest’anno è stato sicuramente caratterizzato da cambiamenti importanti, la maggior parte sotto il cofano di quello che vedete. Quello più importante è che adesso siamo su una Vps con Debian 8 interamente gestita da me, anche il resto degli altri server che compongono il Baretto (mail) stanno su Vps ma questa volta con Centos 7. Ultima novità è arrivato Brontolo@amicidelbaretto che è una Vps dove faccio le mie prove e il nome è per il mio carattere un po’ scontroso. Per quanto riguarda il blog abbiamo servito oltre 40000 pagine a circa 25.000 di voi che son passati di qui, qui un grazie a tutti voi ci sta e grosso grosso. Come dico sempre è una cosa che gestisco nel mio tempo libero e vedere certi risultati mi fa solo pensare che è un avventura che voglio continuare e condividere con quelli di voi che passeranno da queste parti. Permettetemi una parola sugli avvisi dei virus via mail, è una cosa nata per curiosità lavorativa ma se ha evitato che anche uno solo di voi prendesse un virus bhe lo scopo è stato raggiunto e continuerà anche nel 2016. Per quanto riguarda la parte personale, per la prima volta ho qualche paura ad entrare nel nuovo anno visto che sarà ricco di visite in ospedale e respiri trattenuti, ma non posso evitarlo e cercherò di trovare ancora più forza del solito per affrontare il tutto. Ecco adesso ho davvero finito, per il 2015 le luci del bancone si spengono e vi auguro una splendida fine e un’ancora più favoloso inizio e ricordate: il meglio deve ancora venire

Buone feste dal Baretto

BuoneFeste2

E anche quest’anno è arrivato il momento degli auguri di Natale, tra poche ore il barista si prenderà un meritato stop da questi lidi, ma prima vi voleva augurare buone festività che stanno per cominciare.. Buone mangiate, buoni regali ma soprattutto tanti momenti ricchi di felicità con chi amate, che son la cosa che importa di più. A risentirci presto ^_^

È per te

4 anni fa ero come adesso a guardare le stelle, ma non sul balcone di casa, bensì nel cortile di un ospedale, nella notte di tutte le notti. Giravo, fumavo in un cortile che si era svuotato pian piano con il passare delle ore e tua mamma con i dolori era nella stanza del travaglio in attesa che tu ti decidessi ad uscire, ma era buio e come dici tu “quando è buio si dorme Papà”. Adesso ti prendo in braccio per portarti a letto e come ogni volta mi fermo per dirti “buona notte cucciola, ti voglio bene”, sentendo il tuo respiro come unico rumore della notte. Oggi diventi grande e ancora adesso non riesco a spiegarmi come hai fatto a cambiare la mia vita così, in meglio. Ti guardo mentre giochi e mi chiami capitano, mentre mi porti tutta orgogliosa a vedere la tua scuola o quando guardandomi dall’alto di uno scivolo tutta seria mi insegni la vita “bisogna vincere le proprie paure” mi dici… Oppure quando dopo un rimprovero mi guardi con quella faccia triste ed io mi sento morire ma devo tener duro. Oggi hai un anno in più e il tuo papà è qui per dirti auguri amore mio e grazie per tutto quello che mi regali in ogni istante passato insieme.