Il lago che non c’è più

Ieri sono andato a farmi un giro in moto qui nei posti dove ho trascorso la mia infanzia e mi sono recato in uno dei miei posti preferiti, perchè oltre ad essere molto bello da un punto di vista panoramico, mi ricordava quando appena preso il motorino con gli amici si andava in giro ad esplorare i dintorni. Questo luogo è un lago artificiale creato dall’Enel per poter rifornire la sottostante centrale elettrica, si trova a 930 metri sul livello del mare e si chiama lago d’Elio. Io me lo ricordavo sempre pieno con l’acqua che arrivava fino a buona parte della diga, mentre ieri era una pozza sul fondo della “buca” che era stata scavata per contenere la massa d’acqua. Devo dire che tutto questo mi ha fatto riflettere in un periodo dove ho mille pensieri, mille dubbi. Se pure un lago viene a cambiare nelle sue forme, come non può mutare la nostra vita? Boh forse sono troppo filosofo ma di sicuro quello era uno dei pochi esempi che pensavo non potessero mutare mentre adesso so che non c’è nulla di immutabile.

Vi lascio una fotina fatta con il BB 😉

IMG00052-20090813-1605

By |2009-08-14T11:04:10+00:00Agosto 14th, 2009|Il libro della Vita|0 Comments

About the Author:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.