Il mio 2013

E siamo arrivati agli ultimi giorni di questo 2013: tempo di bilanci, tempo di riflessioni o solo quel secondo per guardarsi indietro e poi gettarsi in quello che sarà il nuovo anno, così sconosciuto e per questo così da esplorare e da vivere fino in fondo. In genere in questi post sui blog trovi le statistiche che hanno fatto questo anno sul blog e qui vi potrei direi che siete passati in 75.000 visitatori unici e che avete visto circa 1 milione di pagine, risultati che mai mi sarei aspettato e che sinceramente mi riempiono di orgoglio anche solo a scriverli, perchè questo progetto è qualcosa che mi porto dentro da tanto e che mi da soddisfazioni che vanno oltre e che ripagano di quel tempo che serve per scrivere articoli o per gestire la piattaforma che vi serve il tutto. Ma a me i numeri non son mai piaciuti, la matematica era una di quelle ore a scuola che se potevo saltavo a pie pari così non vi voglio annoiare e vi lascio quello che invece mi rimane dentro, sentimenti, emozioni che sono scritte dentro di me e vengono via con me.

Il mio 2013 è stato un anno dove ho fatto cose importanti, dove ho visto mia figlia crescere e diventare quella splendida creatura che riempie le mie giornate e le rende un pò speciali anche quando tutto il resto sembra poco speciale, è stato quell’anno dove ho litigato qualche volta con la mia compagna arrivando a vedere il fondo, ma poi laggiù trovare quella scintilla che ci unisce e che si chiama magia e da lì tornare ad innamorarmi di lei ogni giorno di più, è stato quell’anno dove la crisi economica mi ha fatto capire ancora di più che vale di più un ora con la tua famiglia che 1000€ sul conto, che vale di più perdersi dentro ad un tramonto o a un fiore che sboccia che un grazie detto da chi ti da il lavoro perchè quelli sono attimi di immenso, le altre sono solo parole. E’ stato l’anno dove ho provato a fare il genitore e ho capito quanta fatica si fa a farlo bene, che nessuno ti da il libretto di istruzioni e che devi imparare da solo, magari sbagliando ma lo devi fare.

Ecco questo è il riassunto che va oltre a tutti i numeri possibili che puoi trovare in una statistica e dietro ci sono i ringraziamenti a tutti quelli che hanno reso possibile anche solo con la loro presenza e il solo farti stare bene questo mio anno che son sicuro che verranno con me anche nel prossimo e insieme saremo pronti a cercare nuovi traguardi da raggiungere e superare. Uno specialissimo grazie va a Laura e a Ginevra perchè senza di loro tutto questo, ma proprio tutto, non avrebbe senso. Vi amo infinitamente. Buon 2014 Baretto!!

By |2015-02-09T13:11:49+00:00Dicembre 30th, 2013|Il libro della Vita|0 Comments

About the Author:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.