Pensieri sparsi sul GP delle Americhe – motogp

Ed eccoci arrivati al terzo e ultimo gran premio, prima di rientrare in Europa. Un weekend di gara che ha riservato sorprese e conferme, ma che sicuramente lascerà il segno sulla stagione.

Marc Marquez

Il dominatore. Dalle prove libere in poi, ha sempre dimostrato che quella è casa sua. Azzecca la gomma davanti, seguendo i consigli del tecnico Michelin, ma avrebbe vinto lo stesso. E adesso se la gode dal primo posto del campionato con un discreto distacco.

Jorge Lorenzo

Da quando si parla del contratto ormai in via di definizione con Ducati, sembra un po’ appannato. Una caduta nel Wup e mai in lotta nella gara, favorito dalla caduta di Dovizioso, altrimenti non avrebbe visto il secondo posto secondo me.

Andrea Iannone

Il maniaco era stato sul banco degli imputati e doveva riscattarsi dopo aver impallinato il compagno in Argentina. L’ha fatto con classe portandola Ducati sul podio, gestendo bene una gara non facile con tante cadute.

Valentino Rossi

Parte con la frizione che va a metà, appena sente che può spingere gli si chiude la vena e va per prati. Dopo 24 gare senza errori ci sta, in fondo anche lui è umano, ma lo zero pesa.

Andrea Dovizioso

Siamo arrivati al punto che se arriva al traguardo sulla moto, si potrebbe pensare al miracolo 🙁 Comunque si conferma veloce e molto in gara. Se riuscisse a evitare la sfiga sarebbe il secondo podio consecutivo. Mica male eh? Forza Andrea!!!

Dani Pedrosa

Una menzione speciale al Camomillo, che dimostra ancora una volta che signori si nasce: gran persona oltre a un pilota di sicuro talento. Fa ridere la dissonanza di dichiarazioni tra lui e Suppo sulla moto: “ha sistemato la moto” dice HRC lui replica “in realtà ho cercato di cambiare il mio stile di guida e qualcosa funziona meglio”

Moto3

Bella la vittoria di Fenati che gestisce il tutto in maniera ottima. Peccato per Antonelli che stava facendo la rimonta della vita.

By |2016-04-11T19:06:37+00:00aprile 11th, 2016|Motomondiale|0 Comments

About the Author:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.