Primo passo

E’ da un po’ di tempo che ogni volta che entro su Facebook e apro la home mi viene il volta stomaco leggendo stati e links. Questo è dato dal fatto che sicuramente sono io un animale poco sociale, ma anche dalla voglia di apparire perfetti che popola questo social network. E’ lo specchio della società, l’apparire è sempre meglio dell’essere, o meglio quello che vorremmo essere ma non siamo e una tastiera da l’opportunità di una protezione che nella vita non c’è quindi ci improvvisiamo filosofi, politici, capi di stato, superfighi. Tutto lecito per l’amor di Dio, ma se poi si va a fare il match con quello che trovi nella realtà la cosa diciamo stride, per usare un termine colto.

Ecco tutto questo inizia a starmi stretto, così ho deciso di levare l’ app dall’iphone e usare solo la sua consorella, quella che permette di gestire le pagine Facebook, vero motivo per il quale non posso cancellare il mio account. Il “non posso” è dovuto al fatto che mi dispiace perché ci ho lavorato parecchio a farle crescere e cancellarle sarebbe come rinnegare tutto. Per questo ho deciso che mi lascio l’account, ma lo controllo solo qualche volta dal pc. Basta app sul telefono, tablet, astronave. Basta leggere cose che a volte fan ridere, ma altre ti fan proprio incazzare.

By |2014-11-24T15:51:21+00:00Novembre 24th, 2014|Il libro della Vita|0 Comments

About the Author:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.