Riflessioni sui commenti fuori luogo durante la gravidanza e nel periodo successivo

Se c’è una verità assoluta sulla gravidanza è che fa “parlare anche i sassi”… Sarei pronta a mettere la mano sul fuoco sul fatto che ogni donna che ha avuto un figlio o che in questo momento lo aspetta si è sentita fare commenti, racconti e affini assolutamente fuori luogo, che anzichè incoraggiare la futura mamma su quanto di bello sta per avvenire, l’hanno soltanto impaurita, resa ansiosa o demoralizzata… Io stessa da sola penso che potrei fare un libro su tutte le cose che mi sono sentita dire durante i 9 mesi e durante il puerperio. Appena rimasta incinta mi sono sentita dire “Ok, ora mi raccomando per i primi 3 mesi non avere rapporti perchè metti a rischio la gravidanza” (sei per caso un ginecologo tu? che dici se è meglio che io lo chieda a lui nel caso? …detto poi da una persona che di figli non ne aveva ancora avuti…)… Nei giorni seguenti mi sono sentita dire cosa potevo o non potevo mangiare (ribadisco, ti sei laureato/a in ginecologia e io ancora non lo so? oppure forse è meglio che ascolto quanto già tutti i ginecologi ti dicono appena li avvisi della lieta novella?)… Parliamo poi del parto… Quando sei incinta arrivano racconti dell’orrore da tutte le parti, da travagli che durano settimane (perchè per opinione comune il travaglio parte dai primi doloretti mestruali, che in gergo si chiamano “prodromi” e possono anche iniziare molti giorni prima del parto! oppure perchè contano le ore dalla rottura del sacco senza ancora avere i dolori, ed ecco lì le 48 ore di travaglio…), a 250 punti messi dopo (ti hanno per caso cucita da capo a piedi facendo due volte il giro?!) ad anni e dolori atroci per ricominciare ad avere rapporti sessuali dopo il parto… Poi ti raccontano che a tizia il bimbo è morto soffocato per il cordone, che caia è morta durante il cesareo e che a sempronia l’anestesia spinale non ha fatto effetto e quindi ha sentito tutti i dolori durante il cesareo…. Non parliamo poi del periodo post-nascita…. Mamme e papà sono stanchissimi per le nottate in bianco causate sia da colichette, reflussi vari e il normale ritmo dell’allattamento ogni 3 ore circa in media, tu continui a ripeterti per incoraggiarti “Sono solo i primi 3 mesi, poi andrà meglio…” e arriva il primo intelligentone di turno che ti dice “Seeeee io con mio figlio/a non ho dormito per 3 anni!!!”… tu cosa gli risponderesti se non un “te c’hanno mai mandato a quer paese?”…. anche perchè fortunatamente la maggior parte dei bambini invece dopo i primi 3 mesi pian piano di stabilizza e dorme sempre più ore consecutive, e fortunatamente sono casi rari i bimbi che per anni non dormono tutta la notte! Parliamo poi dell’allattamento… Chi ti dice di allattare ogni 3 ore, dopo 3 minuti ti dirà anche “però forse piange perchè ha fame, daglielo un altro goccetto, no?” (W la coerenza) e tu sei lì sempre più confusa… Poi “Non prenderlo sempre in braccio, sennò si vizia e non puoi più fare niente! Se piange si fa i polmoni”… (frase ARCAICA e pura credenza popolare visto che i neonati NECESSITANO del contatto con la madre e che hanno solo il pianto come unica modalità per comunicare il proprio disagio, quindi perchè non ascoltarlo? E poi crescono così in fretta, alla mamma fa solo piacere tenerlo in braccio e coccolarlo per qualche mese!!! A voi piacerebbe se mentre piangete nessuno vi desse retta e vi ignorasse per abituarvi ad autocalmarvi?? ……………). Quindi, consiglio spassionato per tutte le future e le neo-mamma: TAPPATEVI LE ORECCHIE ed ASCOLTATE SOLO CHI DI DOVERE (ovvero ginecologi/ostetriche in gravidanza e pediatra dopo il parto), per il resto prendete i racconti e i commenti con le pinze, e fidatevi solo del vostro istinto perchè le mamme siete voi, e nessuno meglio di una mamma sa e saprà mai quel che è meglio per il proprio figlio… Questo non vuol dire che ogni commento che vi arriverà sarà sbagliato, ma appunto valutate in primis da chi viene, e poi prima di metterlo in atto rifletteteci bene, anche perchè molte usanze che c’erano 20 anni fa si sono rivelate completamente sbagliate, e molte anche dannose per lo sviluppo del bambino 😉

By |2013-03-28T14:33:26+00:00marzo 28th, 2013|Puericultura|0 Comments